Intervista a Irma Kurti

L'Autore

Nessun dato inserito

Sei l'Autore?
Vuoi completare la scheda e inserire novità e completare il tuo curriculum letterario?
Clicca qui e aumenta la tua visibilità.

Il suo libro

In assenza di parole

Narrativa

Acquista online

12/04/2017

Irma Kurti è una poetessa e scrittrice di origine albanese. Si è laureata in lingua inglese all’Università degli Studi di Tirana. Nel 1988, ha iniziato a lavorare come insegnante, e dal 1990 in poi ha collaborato come giornalista con diverse testate. Al pubblico albanese è conosciuta anche come scrittrice di testi di musica leggera, con cui ha partecipato con successo a numerosi festival nazionali. I suoi libri sono stati tradotti in lingua italiana, inglese, francese, spagnola e tedesca. Ha vinto numerosi riconoscimenti letterari anche in Italia, dove le è stato conferito il Premio Internazionale “Universum Donna” IX Edizione - 2013 per la Letteratura. È stata inoltre investita della nomina a vita di “Ambasciatrice di Pace” dall’Università della Pace della Svizzera Italiana. In lingua italiana ha pubblicato: Tra le due rive (Kimerik, 2011), Risvegliare un amore spento (Aletti Editore, 2011), Un autunno senza ritorno (Kimerik, 2012), Sotto la mia maglia (Kimerik, 2013), Le notizie arrivano anche qui (Kimerik, 2014), Non è questo il mare (Kimerik, 2014), Sulla soglia di un dolore (Kimerik, 2016), Senza Patria (Kimerik, 2016).


Nuove parole, nuove emozioni. Eccoci con un'altra intervista. Oggi parliamo di Irma Kurti, autrice del libro “In assenza di parole”.


Cominciano da questo libro: La copertina colpisce subito. Il titolo poi è molto diretto. Come mai questo titolo?
Inizialmente il libro è stato pubblicato in lingua albanese con il titolo: “L’uomo che parlava con gli alberi”. Nella versione italiana, dalla casa editrice Kimerik, mi è stato suggerito di trovare un altro titolo. Non era facile, anche perché mi ero affezionato al primo. “In assenza di parole” si addice molto bene alla trama: la difficoltà di esternare l’affetto e i sentimenti alle persone che sono importanti nella nostra vita e le incomprensioni che a volte il silenzio comporta. Nel romanzo non si parla solo di questo ma anche del silenzio completo di Sotir (il personaggio principale) che avviene dopo un grave ictus.
Quando e come nasce 'In assenza di parole'?
Un paio di anni fa, in una notte d’inverno mio padre mi consegnò un diario con degli appunti lasciandomi così nelle mani ciò che lui aveva di più caro: la sua vita, i dolori e le gioie vissuti attraverso le lacrime. Questo libro si basa proprio sulle pagine di quel diario.
Quindi c'è un luogo o un momento particolare in cui dice: Ecco finalmente adesso scrivo questa storia?
Mi è difficile tracciare una linea di demarcazione tra la fine di un libro e l’inizio dell’altro. Scrivo sempre e, non di rado, anche due opere simultaneamente.
Ha un profilo Social? Ci vuole dare il suo Domicilio virtuale?
Sì, mi trovo su Facebook come Irma Kurti e ho anche la mia pagina di autore.
Mi permetta una battuta e mi faccia citare Marzullo: Si faccia una domanda e si dia una risposta.
In quale genere senti di esprimerti meglio: in poesia o prosa? Il mio legame con la poesia è molto forte. Noi siamo cresciute insieme. Quando scrivo versi calpesto una terra che conosco bene: su quel suolo cammino tranquillamente anche ad occhi chiusi, non ho paura di cadere e non mi spaventano gli imprevisti.
Cosa le piace?

È superfluo dire che mi piace scrivere e leggere. Mi piace essere circondata da persone vere che sanno ascoltarmi. Mi piace vivere in pace e ridere di cuore. Mi piace sdraiarmi su un prato verde e contemplare il mare sotto il tramonto.
Cosa non le piace?
Non mi piace la superficialità e l’ipocrisia. Non mi piace la mia ipersensibilità che mi fa soffrire anche per le situazioni altrui.
Adesso può scegliere. Immagini di dover scegliere. Per il suo libro si augurerebbe una traduzione in inglese o una trasposizione cinematografica?
Una trasposizione cinematografica significherebbe vedere il mio più bel sogno realizzato.
Il suo pubblico ideale ha 20 50 o 70 anni? Ha un target di riferimento?

Non ho un target di riferimento. La magia dei sentimenti comprende ogni fascia di età.
Saluti i suoi lettori con un aforisma che parli di lei e delle sue emozioni...
Così privo di speranza è il mondo di fuori, che doppiamente prezioso mi è il mondo di dentro. (Emily Brontë)